SEO WordPress: guida utile per principianti 👊

Avere un blog / sito WordPress è molto bello, ma se non mettiamo in atto delle meccaniche che ci permettano di ottimizzare la SEO WordPress non riusciremo a posizionare il nostro progetto e quindi avremo pochissime visualizzazioni rendendo vano il nostro sforzo.
Se avete intenzione di far crescere il vostro pubblico, quindi, applicate le regole che leggerete in questo post per ottimizzare la SEO WordPress.

SEO WordPress Guida

Cos’è la Seo

motori di ricerca sono nati nell’anno 1990. Google è apparso nel 1996, chi lavorava all’epoca con il web ha iniziato a studiare su come ottenere la migliore posizione sui motori di ricerca e da li è nata la SEO.

L’ottimizzazione SEO (Search Engine Optimization) è il metodo di ottimizzare un sito web per migliorare la sua posizione nei risultati, cercando di far comparire nella ricerca per primo il tuo sito.

SEO WordPress

Prima di iniziare voglio dirti che ottimizzare la SEO WordPress del tuo contenuto non è difficile, ci sono solo dei piccoli accorgimenti da tener conto. Un’altra informazione che voglio che tu capisca ed apprenda sin da subito è che nessuno può garantirti che il tuo sito compaia nelle prime posizioni di google, per far si che questo accada serve tempo e passione.
Se vuoi vendere un bene o servizio in fretta dovresti affidarti alle campagne di Google ads investendo un budget adeguato.

L’uso di categorie e tag è un grande potenziale per l’ ottimizzazione dei motori di ricerca, spesso non vengono affatto utilizzati.

Utilizzo categorie e tag SEO WordPress

Ogni blog WordPress ben strutturato è suddiviso da diverse categorie al fine di ordinare meglio gli articoli. Inoltre, ai vari articoli vengono assegnati diversi tag in modo che possano essere trovati sotto una parola chiave correlata. Se le categorie e i tag vengono utilizzati in modo ragionevole, si ottengono pagine di destinazione aggiuntive con contenuti in evoluzione. Tuttavia, dovresti assicurarti di assegnare solo categorie e tag significativi.

Ottimizzazione SEO WordPress: strutture URL – impostazioni permalink

Ottimizzazione SEO WordPress Url

WordPress ti offre la possibilità di creare una struttura URL per permalink e file. Puoi scegliere come impostarli dalla tua area di amministrazione di WordPress (amministrazione> Impostazioni> Permalink). Esistono sei opzioni tra cui scegliere:

  • Semplice: ha l’unico vantaggio che è corto ma non utilizzare questa struttura.
  • Data e nome: questa struttura viene utilizzata spesso da chi pubblica news in quanto inserisce nell’url la data di pubblicizzazione dell’articolo (anno/mese/giorno) e il nome del post.
  • Mese e nome: questo è simile al precedente, solo senza il giorno. 
  • Numerico: non consiglio di usarlo mai perché, oltre a non essere semantico, introduce anche l’archivio che non contribuisce in alcun modo alla Seo WordPress. Non si visualizza neanche la parola chiave.
  • Nome articolo: questa opzione utilizza il titolo del tuo post, in questo modo aiuta gli utenti e i motori di ricerca a capire di cosa parla il tuo post. Ãˆ di gran lunga la struttura più utilizzata per il suo equilibrio tra semantica e lunghezza ridotta.
  • Struttura personalizzata: questo tipo di permalink consente di definire la propria struttura URL utilizzando tutti i tag di struttura disponibili in WordPress. Qui puoi sperimentare: puoi inserire il tag di categoria tra il dominio e il nome del post, puoi aggiungere parole chiave fisse, modificare l’estensione visibile dei tuoi URL e qualunque altra cosa tu voglia.
    Se non sei abile a strutturare il tuo URL non utilizzarlo.

La struttura URL che ti consiglio di utilizzare è “Nome articolo“.

Mi raccomando, se il tuo Blog WordPress è attivo già da parecchio tempo non modificare questi parametri ma fatti seguire da una persona esperta, in quanto potresti perdere le tue posizioni nei motori di ricerca.

Controllare l’impostazione di visibilità del sito

Controllare l’impostazione di visibilità del sito

WordPress ha una funzione che si chiama “Visibilità ai motori di ricerca”, la potete trovare in Impostazioni > Lettura.

Generare una Sitemap WordPress

Le Sitemap sono strettamente correlate al SEO (Search Engine Optimization) poiché aiutano i crawler, che sono programmi progettati per raccogliere dati e informazioni del tuo sito web. Ciò significa che le sitemap aiutano i proprietari dei siti ad aumentare il flusso di traffico organico verso il loro sito. Tecnicamente, la maggior parte dei crawler dei motori di ricerca, alla fine troveranno e indicizzeranno facilmente il tuo sito. Se il tuo sito è pieno di contenuti di grandi dimensioni, i crawler potrebbero trovare più difficile indicizzare questi tipi di pagine e siti.

Per generare una sitemap del vostro blog WordPress ci sono tanti modi, vi spiego quelli più semplici e veloci:

Generazione Sitemap WordPress

Opzione 1

Per generare facilmente la vostra sitemap potrete usare un plugin che si chiama ” Google XML Sitemaps”, è molto semplice da usare, funziona con i motori di ricerca più popolari (Google, Bing, Ask e Yahoo). Il plug-in crea una mappa del sito e di tutti i tuoi URL personalizzati. Inoltre, notifica automaticamente alla maggior parte dei motori di ricerca i tuoi nuovi contenuti.

Installa e attiva il plug-in dalla directory ufficiale di WordPress. Puoi trovarlo in Plugin> Aggiungi nuovo.

Sitemap Google XML Sitemaps
  1. Una volta attivato il plugin, genererà automaticamente la sitemap del tuo sito web.
  2. Per trovare l’URL della Sitemap che hai appena creato, devi andare su Impostazioni> XML Sitemap. Qui è possibile modificare varie impostazioni del plug-in e visualizzare l’URL (facendo clic sul collegamento nella parte superiore).

Opzione 2: SeoPress Sitemap

SeoPress Sitemap

Con SEOPress (Plugin SEO WordPress) puoi generare la tua sitemap in modo semplice e veloce.

Per impostazione predefinita la Sitemap XML contiene post, pagine, prodotti, categorie, tag (se disponibili).

Opzione 3: Rank Math Sitemap

Rank Math Sitemap

Inviare la tua Sitemap a Google Search Console

Google Search Console è uno strumento che mira a fornire informazioni sulla presenza di siti web su Google. Indica il numero di clic su ciascun URL ed errori di configurazione tecnica che influiscono negativamente sul posizionamento nelle pagine dei risultati.

È una delle risorse più popolari su internet, utilizzata per aumentare la visibilità dei contenuti sul più grande motore di ricerca del mondo.

Per questo motivo, questa grande azienda ha deciso di migliorare le sue funzioni.

Per inviare una sitemap, ti basterà accedere al tuo account di Google (se non hai un account di Google Console attivo, leggi l’articolo Google site Kit. Imparerai a creare un proprietà Google e a collegare il sito sito web).

Quando avrai effettuato l’accesso al tuo account Google console, fai clic sulla Sitemap dal menù a sinistra, quindi incolla l’ultima parte dell’URL della Sitemap.

Url Sitemap Google

SEO WordPress: testi ottimizzati

Oggi giorno abbiamo la possibilità di utilizzare dei plugin per ottimizzare la Seo WordPress.
Sono un valido aiuto in quanto ci indicano delle sottigliezze, che magari non avremmo notato, di modo da poterle facilmente riconoscere e correggere.

Ottimizzare SEO WordPress

Come puoi notare dalla foto, questi plugin ci aiutano a scrivere correttamente i parametri, ad esempio titolo SEO e descrizione. Tutto questo però non basta, se bastasse un plugin per posizionarsi in cima ai motori di ricerca non saremmo qui ad approfondire il discorso della Seo WordPress.

Trovare la Keyword (frase chiave)

È un processo che mira a identificare le parole chiave pertinenti per posizionare le pagine del tuo sito web nei motori di ricerca, tenendo conto della tua attività e degli utenti a cui ti rivolgi. L’obiettivo principale è trovare parole chiave che contribuiscano alle visite del tuo sito e, quindi, migliorarne il traffico e generare conversioni (registrazioni, acquisti,…).

1. Google Keyword Planner

Secondo me questo è lo strumento gratuito più importante per la ricerca di parole chiave e ti consiglio di usarlo ogni volta che puoi.

Keyword Planner indica quante ricerche mensili ha una determinata parola chiave in Google, a seconda del Paese e della lingua selezionata. In questo modo sarai in grado di sapere se la parola chiave in questione può portarti o meno visite.

Keyword Planner ha l’ulteriore vantaggio di essere uno strumento di Google e, pertanto, è quello che fornisce i dati più affidabili sulle ricerche mensili che una parola chiave ha in questo motore di ricerca.

Per utilizzare lo strumento di pianificazione delle parole chiave esegui i seguenti passaggi:

  1. Accedi allo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google.
  2. Seleziona “Ottieni dati e tendenze nel volume di ricerca”.
  3. Scrivi la parola chiave (o le parole chiave) per cui desideri conoscere il volume delle ricerche mensili. Ãˆ importante provare tutte le combinazioni a cui riesci a pensare: sinonimi, ordini diversi, singolare / plurale, ecc.
  4. Seleziona il paese in cui vuoi cercare e fai clic su “Ottieni volume di ricerca” (a questo punto, devi selezionare la lingua del tuo sito web e il paese degli utenti a cui ti rivolgi).
  5. Successivamente, verrà visualizzata una dashboard con il numero di ricerche mensili di ciascuna delle parole chiave. Inoltre, puoi anche ottenere informazioni a livello di stagionalità (ovvero il numero di ricerche mensili che ricevono in base al mese dell’anno).
Google Keyword Planner

Keyword Planner ha anche un’altra funzionalità molto interessante: ti permette di cercare idee per parole chiave da un’altra parola chiave o da un URL. Questo è molto utile per trovare più parole chiave che siano di interesse per posizionare il tuo sito web.

Google Suggest Ricerca Keyword

Basta inserire una parola chiave nel motore di ricerca in modo che mostri le parole correlate che gli utenti stanno cercando.

Google Suggest Ricerca Keyword

SEO WordPress: ottimizza le tue immagini

Le immagini sono un elemento importante, ma rallentano il caricamento di un articolo.
Danno al visitatore una prima impressione dell’argomento, aumentano la leggibilità del tuo articolo, in breve: non c’è dubbio che le immagini siano importanti in un blog.
WordPress rende facile aggiungere foto al tuo sito web. 
Tuttavia, continuo a vedere siti in cui le immagini non vengono visualizzate correttamente, quindi ti mostrerò come ottimizzare correttamente le immagini per WordPress e migliorando così la tua SEO WordPress.

Ti consiglio di utilizzare uno dei seguenti plugin per l’ottimizzazione delle tue immagini.

ShortPixel Image Optimizer

ShortPixel offre, nella versione gratuita, la compressione lossy e lossless per un massimo di 100 immagini al mese. Non ci sono limiti per le dimensioni dei file e nella versione gratuita è anche possibile una versione WebP.

Dopo aver installato il plugin WordPress, troverai il menu delle opzioni in Impostazioni> Shortpixel, con il quale puoi configurare ShortPixel. Una volta scaricato ed installato il plugin registrati qui ed attiva la versione Pro, con pochi euro avrai un servizio all’avanguardia.

EWWW Image Optimizer

EWWW Image Optimizer funziona in modo diverso rispetto agli altri plug-in: le immagini non vengono compresse sui server dei provider di plugin, ma sul proprio server. 
Eseguire l’installazione è semplice: installa il plugin ed attivalo

Utilizzo di un certificato SSL

Impedisce ai criminali di leggere e modificare le informazioni trasmesse, comprese le informazioni personali SSL. Garantisce che i dati trasferiti tra utenti e siti web o tra due sistemi non possano essere letti. Gli algoritmi di crittografia vengono utilizzati per codificare i dati durante la trasmissione per impedire agli hacker di leggere i dati mentre vengono inviati tramite la connessione. Queste informazioni possono includere informazioni sensibili o personali come numeri di carta di credito e altre informazioni finanziarie o nomi e indirizzi.
Per ricevere un certifico SSL gratuito, collegati nel pannello d’amministrazione del tuo hosting e vai nel cPannel, poi trova la voce Let’s Encrypt™ ed attivalo. Se non riesci contatta l’assistenza del tuo hosting.

Ottenuto il tuo certificato SSL, utilizza il plugin Really Simple SSL che permetterà di attivare l’SSL in tutte le pagine del tuo sito web.

Hosting WordPress

Per far si che il tuo sito funzioni bene e si possa ottimizzare per la seo SEO WordPress, utilizza solo servizi di hosting veloci ed affidabili.
Se devi sceglierne uno, ti consiglio di leggere la mia guida dedicata che trovi qui: WordPress Gratuito, affida il tuo progetto a servizi d’eccellenza.

Google Page Speed Per migliorare SEO WordPress

Il tempo di caricamento di un sito è un fattore primario per il posizionamento SEO
Google ha giustificato questa decisione perché i siti web veloci significano automaticamente visitatori più soddisfatti e quindi risultati di ricerca migliori.

Il tempo di caricamento di un sito web può essere valutato con l’aiuto di Google Page Speed. Questo strumento valuta una pagina con un valore compreso tra 0 e 100 e fornisce suggerimenti su come migliorare questo valore (e quindi il tempo di caricamento).
Se vuoi ottenere una buona SEO WordPress, velocizza il tuo sito ed avvicinati il più possibile al valore massimo che è 100.

Consigli finali e conclusione

Per far si che la tua SEO WordPress sia impeccabile segui questa guida e ricordati che posizionare un sito web richiede tempo e passione, non avere fretta, se lavorerai bene i risultati arriveranno. Crea contenuti unici e fedeli all’argomento del tuo sito / blog WordPress, non mollare e non gettare la spugna, Google premia i siti migliori.

Se non riesci a configurare questi passaggi e a migliorare la SEO WordPress del tuo sito / blog, o semplicemente vuoi delegare questo lavoro, sono qui per aiutarti

Pubblicato da Gregorio

Sono Gregorio, il proprietario di Guide-Web: il sito dedicato alle migliori guide all'utilizzo delle Piattaforme Web. Spero che le mie guide gratuite ti siano d'aiuto, se avessi domande o problemi contattami tramite la pagina dedicata del sito. Grazie

© 2020  | Guide-Web: le migliori guide per le piattaforme web P.iva 03461450045  Tutti i diritti sono riservati.

Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.